domenica 18 novembre 2012

Riflessione: "Autunno Italiano"

Dopo aver visto diverse trasmissioni e telegiornali italiani, in questi ultimi giorni, sembra che stia avvenendo una vera e propria odissea.
Rivolte, Proteste, Ministri costretti a scappare, una serie di eventi che mi fanno sperare in un Italia che sta prendendo una nuova piega.


Dove chi comanda deve tener conto anche del più piccolo ceto sociale dello stesso paese che governa, e non pensare solo al suo di ceto, o meglio solo alle banche, magari cacciando tra le parole che portano alla rovina di molte persone, qualche lacrima, vera o fasulla che sia, ma fregandosene quando deve partecipare ad un operazione denominata "riunione telecom italia" mascherando quale sia la realtà.
Forse in questo periodo stiamo dimostrando che non siamo una massa di pecoroni, o se lo siamo, le pecore sono uscite dal recinto, per rinchiuderci il padrone.
Certo il passaggio può essere duro, ma la storia insegna, che: quando il popolo non ha ché da mangiare, non si consigliano brioche, altrimenti poi finisce male.
Naturalmente questa è una mia riflessione "a caldo", quella "a freddo" la farò più in là.


__________________________________
Altri post correlati precedentemente pubblicati:
Titolo: "Riflessione: "Autunno Italiano""
Autore: Sisti
Data pubblicazione: domenica 18 Novembre 2012 ore 02:05
__________________________________

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci un commento